Nuova XGamma

Gestione sorgenti HASS


Logonuovo2011

Nuovo Database Sorgenti (TEST)
Arom200x174

Database Tubi Radiogeni
DSCF5505_XRay_particolare_rid-300x154

Società del Gruppo RF, Via A. Einstein 16, 47025 Mercato Saraceno (FC)
Database in FileMaker©™ – Sviluppo Software Studio Galassi – 2013/14

Riferimenti Normativi:

  • D.Lgs. n.230 del 17/03/1995 e ss.mm.ii;
  • D.Lgs. 52/2007;
  • Allegati D.Lgs. 230/1995;
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 febbraio 2006;
  • DM_28_9_2011;
  • D.Lgs. 1860 del 31/12/1962;
  • D.P.R. 151/2011.

LINK: Fisica Sanitaria A.U.S.L. di Forlì

144px-Italian_traffic_signs_-_divieto_di_transito_a_trasporti_pericolosi.svg copia pdf2

Il cartello – sopra a sinistra – vieta il transito ai veicoli che trasportano merci pericolose
come esplosivi, benzina, materie tossiche o radioattive.

Anche se autorizzati al trasporto su strada di materie radioattive, ove presente questo segnale non è possibile transitare se il collo radioattivo è a bordo; occorre, quindi, procedere in percorsi alternativi. Il Pdf a destra riporta le indicazioni sul trasporto che, per tipologia e carica della sorgente sigillata, risulta sotto i limiti previsti ed esente dalle comunicazioni alla Prefettura.

Segnaletica_emergenza

Facendo click sull’immagine a fianco è possibile scaricare il PDF della segnaletica di emergenza, osservabile nei diversi luoghi di lavoro: industrie meccaniche o chimiche.

In particolare la segnaletica visibile, a lato, è riferita al trasporto dei colli sulla base della loro  pericolosità: chimica, fisica o biologica.

Riconoscere la segnaletica, I colori:

 Rosso: indica divieto, pericolo o emergenza e segnala le attrezzature antincendio. Giallo: è impiegato per la segnaletica di avvertimento. Azzurro: prescrive i dispositivi di protezione individuale da indossare e le azioni obbligatorie da compiere. Verde: identifica la segnaletica di salvataggio e soccorso.

I pittogrammi illustrati sono stati selezionati tra gli innumerevoli in uso sulla base della loro maggiore frequenza d’impiego. Non si esclude tuttavia che in settori merceologici ed industriali specifici possano essere utilizzate ulteriori e diverse simbologie.